L’Irpinia contro il fascismo

La storia dell’Italia fascista comprende quel periodo che va dalla presa del potere del fascismo e di Benito Mussolini, ufficialmente avvenuta il 29 ottobre 1922, sino alla fine del regime, avvenuta formalmente il 25 luglio 1943. Nonostante il regime avesse in Italia un fortissimo consenso, vi furono anche numerosi oppositori, contrari alle ideologie e alla politica del Duce. Attraverso organizzazioni paramilitari il fascismo rese clandestina qualsiasi forma di opposizione. Al termine della prima guerra mondiale, il movimento antifascista era costituito dai componenti delle organizzazioni operaie, dai militanti socialisti, comunisti e anarchici e dai rappresentati delle organizzazioni liberali.

Indice:

Periodo e durata di osservazione

Nel 1928 e nel 1929 si ebbe il massimo numero di nuovi osservati perché in quegli anni il fascismo aveva ormai consolidato il suo potere e poteva limitare meglio le forme di opposizione.

image (3)
Numero di nuovi osservati per anno

 

Per molti soggetti l’osservazione durava circa un decennio, mentre pochissimi vennero attenzionati per quasi un cinquantennio. Si trattava probabilmente di coloro che organizzarono la Resistenza italiana e si riunirono nel Comitato di Liberazione Nazionale (CLN). Tra questi vi sono Canio Bozza, Nicola De Stefano, Vincenzo Cotone e Giuseppe Stanco, che sono stati osservati per ben 49 anni.

Cattura10
Durata delle osservazioni

Reazioni del governo all’opposizione

Ecco in che modo veniva praticamente attuata la repressione dell’antifascismo. I provvedimenti più diffusi nei confronti degli osservati erano la radiazione e l’iscrizione alla Rubrica di frontiera. Il termine “radiazione” indica la fine della sorveglianza, la chiusura definitiva del fascicolo e la sua eliminazione dal Casellario. La Rubrica di frontiera era invece un elenco di soggetti che sarebbero potuti espatriare per sfuggire alla repressione.

Immagine
Provvedimenti del regime

 

A causa della repressione, molti osservati furono costretti a lasciare la loro terra d’origine, emigrando specialmente nel Nord Italia, in Europa e all’estero.

Cattura
Mappa degli espatri

Studio degli osservati

Nella Provincia di Avellino la maggior parte degli osservati appartenevano al partito socialista, che per ideologie più si differenziava da un movimento politico di estrema destra come il fascismo.

image (2)
Colore politico degli osservati

 

Ecco dove operavano i socialisti.

Cattura 2

Mappa dei socialisti in Irpinia

 

Si nota che la maggior parte degli antifascisti erano contadini: probabilmente la politica agricola di Mussolini o la ridistribuzione della ricchezza durante il regime aveva suscitato parecchio malcontento tra la parte più povera della popolazione.

image (5)
Professioni degli osservati

Conseguenze della caduta del regime

Il 1943, invece, in coincidenza con la caduta del fascismo, è l’anno col numero maggiore di fine osservazioni, sintomo del fatto che il regime stava ormai perdendo autorità sul territorio.

Cattura20
Numero di fine osservazioni per anno

 

Il movimento antifascista ebbe in fin dei conti successo poiché portò il regime alla caduta e con il referendum del 1946 alla nascita della Repubblica Italiana. Ancora oggi nella Costituzione Italiana, in vigore dal 1° gennaio 1948, è sancito il divieto di rifondazione del Partito fascista.
E’ dunque un onore sapere che anche nella Provincia di Avellino furono in molti a lottare con e senza le armi  contro la dittatura e l’oppressione.

Fonte dei dati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...